Skip to content

Tra gli strumenti volti a potenziare l’intelligenza numerica vi è:

L’INTELLIGENZA NUMERICA. AbilitĂ  cognitive e metacognitive nella costruzione della conoscenza numerica dai 3 ai 6 anni. (Lucangeli, Poli e Molin, 2003, Erickson)

 

PRINCIPI TEORICI

Tale programma si basa su studi e indagini psicologiche che hanno fatto luce su quali siano le  modalità mentali che sviluppano le intuizioni numeriche presenti fin dalla nascita in ciascuno di noi.

Tale programma intende guidare operatori e insegnanti nell’utilizzare strategie didattiche utili a potenziare i processi cognitivi specifici alla base della costruzione della conoscenza del numero e del calcolo.

Oggi la ricerca psicologica dimostra infatti che nasciamo predisposti sia dell’intelligenza numerica che dell’intelligenza verbale.

Per intelligenza numerica facciamo riferimento alla capacitĂ  di intelligere, capire, interpretare, ragionare attraverso il complesso sistema cognitivo dei numeri e delle quantitĂ .

Tale capacità è innata e molti studi dimostrano la presenza della capacità di discriminare due diverse numerosità anche in bambini di pochi mesi.

Grazie a ciò sembrerebbe possibile quindi orientare il bambino fin dalla scuola dell’infanzia all’acquisizione del concetto del numero e al suo uso.

 

PRINICIPALI TEORIE DI RIFERIMENTO

TEORIA DEI PRINCIPI DI CONTEGGIO (Gelman e Gallistel, 1978):
I bambini detengono un concetto  innato di numero che evolve nell’acquisizione delle procedure di calcolo.

TEORIA DEI CONTESTI DIVERSI (Fuson, 1991):
I principi di conteggio e di calcolo sono innati ma per essere utilizzati in modo corretto e competente l’autrice sottolinea l’importanza di ripetuti momenti di apprendimento basati su esercizi e imitazione.

 

STRUTTURA DEL LIBRO

l programma è articolato in 4 aree principali per la costruzione della conoscenza numerica:
1) I processi Lessicali: capacitĂ  di attribuire il nome ai numeri
2) I processi Semantici: capacitĂ  di comprendere il significato dei numeri attraverso una rappresentazione mentale di tipo quantitativo
3) I processi Sintattici: la relazione spaziale tra le cifre, la posizione delle cifre nel corretto ordine, il valore posizionale della cifra
4) Il Counting: capacitĂ  di conteggio.

Prima di iniziare il programma è possibile effettuare un questionario di 10 domande al bambino con lo scopo di avere un quadro sulle conoscenze che il bambino ha circa il numero e il suo uso e che servirà come punto di partenza per l’attività sui numeri.

La struttura del lavoro permetterĂ  di:
– stimolare la partecipazione attiva del bambino e dell’operatore
– vedere il bambino come costruttore di consapevolezza
– consentire all’operatore di essere una guida negli apprendimenti
– dare importanza alle strategie piĂą appropriate
– stimolare nel bambino l’autoregolazione del processo di apprendimento
– stimolare la riflessione metacognitiva del bambino

 

A CHI E’ RIVOLTO

Tale volume è rivolto a bambini dai tre ai sei anni.

Risulta molto utile per programmi di potenziamento dell’area numerica e del calcolo in bambini della prima classe della scuola primaria.

Tale volume inoltre è seguito da altri tre volumi adatti a lavorare con bambini dai 6 anni ai 14 anni.

Condividi

Altri articoli

Cos’è il Procedural Memory Training

IL PROCEDURAL MEMORY TRAINING O TRAINING PER LA MEMORIA PROCEDURALE è un intervento di Stimolazione Cognitiva che può essere utilizzato con persone che presentano Malattie Neurodegenerative, come la Malattia di

Quali sono gli Interventi di Riattivazione Cognitiva?

Con gli Interventi di Riattivazione Cognitiva facciamo riferimento agli interventi non farmacologici rivolti alle componenti cognitive, affettive e comportamentali della persona con malattia neurodegenerativa. Gli interventi di riattivazione cognitiva nelle

I Sintomi Comportamentali nella Malattia di Alzheimer

Nella Malattia di Alzheimer si assiste non solo alla manifestazione di sintomi neuropsicologici (memoria, attenzione, linguaggio) ma anche alla manifestazione di Sintomi Comportamentali e Psicologici. Questi sono sintomi secondari, cioè